Luci dal Futuro

 In occasione di Cortili Aperti 2019 nell’ambito degli eventi organizzati da ADSI e Comune di Francavilla Fontana 

Una serie di luci illuminano il cortile di Palazzo Bottari e il passato che custodisce. Potendo guardare bene il passato potremo costruire un futuro migliore, rischiarato da una luce multicolore come quella che filtra dai rosoni delle Cattedrali. 

Dal futuro arriva inoltre una guerriera a indicarci la battaglia da combattere, quella contro lo spreco per un mondo che sia ancora abitabile dai nostri figli. 

Questa installazione vuole raccontare il lavoro delle artigiane e artigiani di ISA e il loro progetto di sostenibilità. Il recupero e le nuove tecnologie unite alle tecniche tradizionali di artigianato permettono di creare pezzi di design con basso impatto ambientale e alta ricaduta sociale. 

Il progetto nasce con il sostegno del bando regionale PIN, e in quest’anno ha visto il gruppo allargarsi, unendo anime affini con ideali comuni. 

La Bottega produce oggetti di design e moda sostenibile, allestimenti per eventi e accompagna privati ed attività nel processo di costruzione del nucleo della loro vita, sia essa la casa o l’attività. 

Vi aspettiamo in Corso Garibaldi 73 a Ceglie messapica. 

Seguiteci sulle pagine facebook e instagram 

Isaartigiane 

Polline di Memoria – Un pomeriggio in libreria

Festa della Zucca

Aspetto sulla soglia della nostra bottega, l’arrivo di Alessio e Nico. Ho giá allestito per loro un tavolo, coperto da una tovaglia arancione, per restare in tema con la “Festa della Zucca e dei Sapori d’Autunno” che ha donato un po’ di magia al centro storico grazie all’organizzazione di Carla Fiore e della sua associazione NovApulia.

Ho atteso con un po’ di curiositá il debutto di questa nuova collaborazione, dopo un paio di incontri, alcune chiamate, messaggi ed email.

Il PIN ha portato tante cose positive a ISA, l’opportunità di nascere, ma soprattutto di fare conoscenze interessanti. Ed é proprio in occasione di uno dei toolkit organizzato a Bari da ARTI, per supportare i progetti PIN, che ho conosciuto Nico. Una chiacchierata, condivisione di obiettivi e soprattutto di principi e ci siamo subito trovati in pieno accordo. 

Così ho parlato alle ragazze di ISA del progetto “arcobaleno in Dispensa”, ideato da Alessio e Nico per valorizzare il bello ed il buono della Puglia e della Basilicata, ovvero per dare risalto ai produttori dell’agroalimentare, dell’artigianato e dell’arte a tutto tondo. 

Abbiamo deciso di invitarli a Ceglie perché, proprio come noi e come tanti e tante giovani pugliesi negli ultimi anni, dopo aver accumulato esperienze in Italia ed all’estero hanno deciso di tornare a casa, consapevoli del grande tesoro che ci circonda, disseminato nelle vie dei nostri centri storici, nelle campagne, nelle botteghe di sconosciuti artigiani o di inconsapevoli artisti.

Un tesoro che spesso si nasconde nel buon cibo, nel buon vino, in un artefatto, in una poesia, nella testa e nelle mani, gelose, dei produttori.

Insomma… abbiamo pensato al tema “Sapori di Biodiversitá” e Nico ed Alessio sono arrivati carichi dei loro tesori ed hanno invaso gli spazi del nostro laboratorio, arricchendoli, come un arcobaleno di colori con una mostra di mandorle pugliesi con nomi e forme diverse, e con le stampe delle poesie e delle illustrazioni del libro La Befana Stralunata.

Tante sono state le persone che si sono fermate ad osservare questo arcobaleno, ascoltando ed apprezzando il nostro entusiasmo. Inutile sottolineare che é  stato un modo nuovo e diverso per raccontare la mission e la storia di tutte noi di ISA, nonché per far conoscere le nostre produzioni: oggetti di artigianato legati al tessile e al design, in base alle diverse capacità di noi quattro e alla contaminazione di tradizione e innovazione, tecniche e materiali.

La domenica le avverse condizioni meteo non hanno permesso al centro storico di Ceglie di popolarsi, e noi abbiamo colto l’occasione per inventarci una mattinata di lavoro per condividere e rafforzare questa nascente collaborazione, nonché amicizia! 

Noi di ISA stiamo impostando il nostro lavoro seguendo il principio del “fare insieme” che certamente conferirá un valore diverso alle nostre produzioni, che stiamo definendo per capire quali sono le migliori da lanciare sul mercato. La contaminazione e la collaborazione arricchiranno sia noi produttrici che i nostri prodotti.

La nostra speranza é che l’incontro con Alessio e Nico ci faccia percorrere una strada comune, creando connessioni sempre stimolanti o, meglio, ponti colorati di arcobaleno che ci conducano a trovare il tesoro alla fine di esso.

Per noi, la nostra bottega é il nostro tesoro. Per allestirla ci siamo messe in gioco con la nostra creativitá e la nostra porta é sempre, quasi sempre, aperta per accogliere clienti e curiosi. Perché é bello raccontare le nostre storie!

Daniela.

ISA – impresa sostenibile di Artigiane

ISA Fest

ISA FEST ha l’obiettivo di far conoscere alla comunità un nuovo modo di fare artigianato, in grado di unire tradizione e innovazione e ponendo particolare attenzione alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica delle produzioni che rimangono di alta qualità e design.

ISA FEST ha l’obiettivo di confrontarsi con imprenditrici, amministratrici, giovani artigiane, stakeholder locali sul tema del lavoro e del femminile. La ciclicità e la relazione con la vita e la morte, la capacità di accogliere anche il fallimento, l’ascolto e l’empatia, la maternità e il dare vita, la cura, la capacità di accogliere e lasciare spazio. Cosa succederebbe se in un’azienda tutto ciò  venisse considerato come occasione di apprendimento e come possibilità di evoluzione per tutte e tutti? Siamo convinte che queste caratteristiche del femminile possano essere le chiavi di volta di un processo di trasformazione del lavoro e della società,

Crediamo che in esse ci sia un potenziale non ancora esplorato in grado di rendere più sostenibili, collaborativi e resilienti i nostri luoghi di lavoro.  

Allo stesso tempo siamo convinte che l’impresa abbia il dovere etico di creare valore non solo per sé ma anche per la società e la comunità di cui fa parte. 

Crediamo che l’attitudine femminile sappia, in maniera naturale, dialogare con il territorio, trovare lo spazio per ascoltare ed accogliere e allo stesso tempo essere motore di sviluppo: la donna può tracciare nuove strade, nuove rotte sia all’interno dell’impresa e del mondo del lavoro che all’interno delle nostre comunità.

Per questo “ISA Fest” si articolerà in più momenti:

  • ISPIRAZIONE E SCAMBIO BEST PRACTICE: Fare insieme / Co-creare / Prototyping dalle ore 10,30 alle 13,30. Presso Spazio ISA, Corso Garibaldi.

Saranno presenti altri vincitori PIN operanti nel settore dell’artigianato sostenibile ed innovativo, oltre ad artigiane/i locali che stanno dimostrando come si possa fare artigianato di alta qualità nel rispetto dell’ambiente e del proprio lavoro. 

Un momento che possa rappresentare l’avvio di un lavoro in rete basato su obiettivi comuni di utilizzo equo di risorse locali, di sviluppo dell’imprenditoria giovanile, di raccolta differenziata dei rifiuti, di valorizzazione dell’artigianato locale. 

  • LAVORARE AL FEMMINILE: percorsi, storie, incontri dalle ore 16:00 alle ore 20:00 presso Medcooking School

Con imprenditrici del territorio, stakeholder locali, rappresentanti del settore politico ed economico. 

Un incontro per condividere e confrontarsi in maniera partecipata sul lavoro declinato al femminile: come costruire percorsi locali di sostegno all’emancipazione economica e lavorativa delle donne? Come favorire lo sviluppo delle nostre comunità attraverso percorsi di empowerment del femminile?  Come portare innovazione e sviluppo a partire dalle risorse del femminile? L’incontro è rivolto a favorire la nascita di progettualità sul territorio ed è aperto a tutta la cittadinanza, ad associazioni, cooperative ed enti locali. 

  • MOSTRA DI ARTIGIANATOdalle ore 20:00 alle ore 22:00 presso Medcooking School. 

Una mostra di progetti e prototipi aperta a tutta la cittadinanza realizzata dalle artigiane del progetto ISA, in cui raccontare l’impatto sociale di quanto realizzato e l’attivazione di processi virtuosi di raccolta scarti e rifiuti. L’esposizione dei prodotti sarà accompagnata dalla raccolta di feedback ed impressioni da parte dei cittadini partecipanti per valutare l’impatto dell’artigianato sostenibile sul territorio.

Locomotive Jazz festival

All’interno  del programma cegliese del locomotive jazz festival le ragazze e le amiche di ISA si sono unite per la creazione di una installazione di artigianato fra tradizione e innovazione. Usando un antico oggetto artigianale quale l’acchiappasogni, contaminandolo con Gree Skin, la pelle di cellulosa di origine batterica. ognuna di noi ha poi declinato il tema rispetto alle proprie competenze competenze e capacità.

Il risultato è stato una cascata di acchiappasogni di colori, materiali e tecniche diversi, appesi ai rami di un albero in piazza vecchia a Ceglie Messapica. I bambini si sono anche divertiti a sperimentare queste tecniche e materiali.

La prima esperienza concreta degli ideali proposti dal nostro progetto: condivisione, contaminazione e sostenibilità. Continuate a seguirci e scoprirete l’evolversi. 

Presentazione

C’era una volta un gruppo di donne con sogni diversi ma affini, un obiettivo di sostenibilità e miglioramento personale e comunitario. E’ così nata ISA-Impresa Sostenibile d’Artigiane. 

Il 30  maggio dopo tutte le burocrazie abbiamo voluto presentare il nostro sogno e il progetto per realizzarlo. Tanti amici e parenti si sono uniti attorno a noi, ci hanno dato il loro affetto e il loro sostegno.Abbiamo raccontato il percorso per l’assegnazione del finanziamento del bando regionale PIN e come pensiamo di rendere reali i progetti scritti a partire da oggi. Altri vincitori PIN di Villa Castelli ci hanno dato il loro sostegno allietando la serata con musica popolare. E’ stata una festa, come quando nasce una bambina, ora siamo pronte a fare il necessario per farla crescere. Abbiamo presentato ISA e come hanno imparato a le mie nipoti, ISA è un noi.